Gabriele Bonci and Fulvio Marino
Fulvio teaching a pizza lesson with Gabriele Bonci.

This week’s interview is with Fulvio Marino of Mulino Marino, a mill located in Piedmont that is known for grinding extremely high quality organic heritage grains and legumes such as spelt, monococco, rye, buckwheat, kamut, chickpeas, barley, and chestnuts. I met Fulvio back in January while interviewing Bonci (above) for a forthcoming article. I was so impressed by Fulvio’s energy and his dedication to quality products and the family business (which in this case go hand in hand) that he immediately came to mind when I was formulating this new interview format. Enjoy!

Name: Fulvio Marino

Age: 24

Occupation: Miller’s apprentice

Describe your work and how it came about:
My broter Fausto, cousin Federico and I are third generation millers. We have a small mill for natural stone and cylinder grinding where we work with my grandfather Felice, my father Ferdinando and my uncle Flavio. We produce organic flour exclusively. I started in the family business as soon as I learned to walk. I was literally born in the mill, I played there as a child and in the meantime absorbed the profession. I would like to make it clear, however, that I am only an APRENTICE at the moment. Learning the art of grinding grain is a long process and doesn’t come quickly. My grandfather has more than 50 years of experience in the mill, my uncle has become a master in this profession. Fausto, Federico and I can (at the moment) only “shine their shoes”!

What inspires you?
I am inspired by simple products, which, with their simplicity, bring inspiration. It inspires me to revive ancient techniques and mix them with “good and clean” modern methods. I am inspired by natural agriculture. I am inspired by craftsmen (the real ones) and I am inspired by people who have something to teach. And I am very inspired by humility.

Which occupation would you most like to try?
I’d like to be a doctor, a nutritionist.

Which profession would you not like to try?
Politics.

Who do you respect most?
There isn’t one person in particular, there are many. Among them are definitely my mother and father.

What is your favorite food and drink?
I LOVE FOOD, in all its forms. A lot depends on the occasion and the circumstances. Sometimes we have a favorite food that later becomes substituted by another for some strange reason. Could I say Gabriele Bonci’s potato pizza? Barolo (if it’s not to simplistic to call Barolo a “drink”)? I guess I could sum it up by saying I don’t have a favorite food. I LOVE FOOD in all its forms.

What is the characteristic that you appreciate most in others?
I appreciate the fact that each of us there are good qualities, but in each of us those are different. It’s important to be honest, humble, sincere, and kind—but also ambitious, obnoxious and mean every once in a while!

Would you like to add anything?
Support artisinal producers! i veri artigiani! Those who work day in and day out to “build” something perfect…which derives its vaule from its imperfections. Long live ARTIGIANI. Long live millers!

You can find Mulino Marino flour in the US at Formaggio Kitchen, Zingerman’s and Eataly.

Mulino Marino Flour

Ci tengo a promuovere le attivita’ degli artigiani e una volta a settimana pubblico un profilo di una persona, un negozio, o una piccola azienda dedicato alle tradizioni e la qualita’. L’intenzione e’ di scoprire le emozioni e motivazioni delle persone che scelgono di partecipare nei mestieri gastronomici di qualita’ . Ti presento un Fulvio Marino di Mulino Marino.

Nome: Fulvio

Eta’: 24

Mestiere: Apprendista mugnaio

Discrivi la tua attivita’ e come hai iniziato:
Faccio parte, insieme a mio fratello Fausto e mio cugino Federico della terza generazione di una famiglia di Mugnai. Abbiamo un piccolo mulino a pietra naturale e un mulino a cilindri dove lavoriamo insieme a mio nonno Felice, mio padre Ferdinando e mio zio Flavio. Produciamo solo ed esclusivamente farine biologiche. Ho iniziato con il mio lavoro praticamente da quando ho mosso i miei primi passi. Sono letteralmente “nato nel mulino”, ci giocavo da bambino e intanto assorbivo il mestiere. Tengo a precisare però..che sono ancora felicemente un APPRENDISTA mugnaio, l’arte molitoria è una “faccenda” lunga, non ci si improvvisa… mio nonno ha più di 50 anni di esperienza nella martellatura delle grandi pietra circolari, mio zio è diventato un maestro in questo lavoro.. io , Fausto e Federico gli possiamo (per ora) solo “lucidare le scarpe”!

Cost ti ispira?
Mi ispirano le situazioni e le cose che mi fanno ispirare… mi ispirano i prodotti semplici, che con la loro semplicità danno ispirazione.. mi ispira riprendere le tecniche antiche per mischiarle con la tecnologia “buona e pulita” di oggi, mi ispira l’agricoltura naturale, mi ispirano gli artigiani (quelli veri) e mi ispirano le persone che hanno qualcosa da insegnare. E’ mi ispira molto l’umiltà.

Quale mestiere diverso dal tuo proprio vorresti tentare?
Mi piacerebbe fare il medico, il nutrizionista.

Quale professione non vorresti fare?
Il politico.

Chi e’ la persona che stimi di piu’?
Non ne esiste una in particolare.. ne ho tante, sicuramente tra queste ci sono mio padre e mia madre.

Qual’e’ il tuo cibo preferito? E bevanda?
AMO LA GASTRONOMIA, in tutte le Sue forme.. dipende dai momenti e dai periodi della vita, ogni tanto abbiamo un cibo preferito che poi viene sostituito ad un altro per qualche strano motivo. Potrei dire La Pizza alle patate di Gabriele Bonci? Il Barolo? (se non è riduttivo chiamarlo “bevanda”) Concludo comunque che non ho un cibo preferito. AMO LA GASTRONOMIA, in tutte le sue forme.

Qual’e’ la caratteristica che apprezzi di piu’ negli altri?
Apprezzo il fatto che ognuno di noi abbia qualcosa che ci piace, ma in ognuno c’è in modo diverso. E’ comunque importante essere onesti, umili, siceri, simpatici, ma anche ambiziosi, rompiscatole e antipatici ogni tanto!

Vuoi aggiungere qualcosa?
Sostenete i veri artigiani! Coloro che mirano ogni giorno a “costruire” un qualcosa di perfetto.. ma che acquista il suo valore nell’imperfezione.
Dimenticavo.. Viva gli ARTIGIANI. Viva i mugnai!